LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy

Energie rinnovabili: gli impianti eolici

02/12/2014

eolico

È sempre più frequente, in Italia, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Oltre il fotovoltaico, desta particolare interesse l’utilizzo di impianti eolici, con enti e province autonome che hanno modificato soglie e aree off limit.

Si stima che 8650 MW installati complessivamente nel nostro paese a fine 2013 tra piccoli e grandi impianti, hanno permesso di soddisfare il fabbisogno di quasi 5,5 milioni di famiglie (pari al 5% dei consumi complessivi).

Un impianto eolico è costituito da aerogeneratori (o pale eoliche) che permettono di trasformare l’energia cinetica del vento in energia elettrica. In genere sono classificati in base a caratteristiche dimensionali (potenza, diametro e altezza). Quelli di piccola taglia hanno potenza fino a 200 KW: è il caso del micro-eolico (fino a 5 KW di potenza) e del mini-eolico (da 6 a 200 KW), in grado di soddisfare esigenze diverse come produrre energia in una zona non servita da rete pubblica o ridurre i costi della propria bolletta energetica (riducendo le emissioni di anidride carbonica e migliorando la qualità dell’ambiente). L’energia prodotta viene consumata dall’utente, e gli eventuali esuberi possono essere immessi nella rete pubblica o accumulati (quest’ultima ipotesi in caso di installazione non connessa alla rete).

Per valutarne la convenienza, si fa riferimento a variabili fisiche (dati ambientali, caratteristiche del vento e delle sue componenti) e a parametri tecnici ed economici (potenza e costo dell’energia) per un corretto dimensionamento dell’aerogeneratore: queste grandezze permettono di stabilire se l’impianto eolico possa soddisfare le esigenze energetiche ed economiche dell’utente. Necessitano, quindi, di studi di fattibilità per individuare i siti installativi.

Le procedure autorizzative dipendono dalla potenza e dalla tipologia dell’impianto. Si esegue la semplice comunicazione per le attività in edilizia libera per quelli con altezza e diametro non superiore rispettivamente a 1,5 e a un metro, oppure la Procedura abilitativa semplificata (Pas) per quelli che non rientrano nel primo caso o con potenza fino a 60 KW; l’Autorizzazione unica (Au) per le installazioni oltre i 60 KW.

È previsto, inoltre, un incentivo monetario per l’energia elettrica (netta) immessa in rete: è la cosiddetta tariffa omnicomprensiva. Quest’ultima, erogata dal GSE (Gestore Servizi Elettrici) e di durata ventennale, è valida fino al 31 dicembre 2015: l’accesso è diretto per gli impianti sotto i 60 KW. Si può dunque affermare che, se le valutazioni preliminari per la fattibilità dell’impianto sono corrette, la riduzione in bolletta con gli incentivi ventennali porta l’investimento nell’eolico a un sicuro ritorno economico.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Energia, sempre più a tutela dell’ambientepubblicato il 7 marzo 2016
Canone Rai in bolletta: la risposta alle domande più frequentipubblicato il 2 marzo 2016
Energie alternative, sempre più una realtàpubblicato il 8 novembre 2015
Mercato elettrico, serve un rinnovamentopubblicato il 6 febbraio 2015
La nuova bolletta 2.0pubblicato il 3 novembre 2014
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Conosci il consumo annuo di energia elettrica?
Consumo stimato annuo di energia elettrica
(kWh)
Quando utilizzi l'elettricità?
Giorno
| Sera
| Weekend
|
| %
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?
CONFRONTA OFFERTE
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!