LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy

40-27-27. L’Unione Europea dà i numeri, per un futuro più green

05/10/2014

green future

40-27-28 sono i numeri del futuro energetico del Vecchio Continente. Lo ha stabilito il Consiglio Europeo dopo il summit del 23 e 24 ottobre scorsi, cui ha partecipato anche il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Il primo punto in agenda riguarda la riduzione dei gas serra. Il Consiglio europeo ha stabilito un obiettivo vincolante per l’UE in termini di riduzione delle emissioni nazionali che contribuiscono a determinare l’effetto serra: almeno il 40% in meno entro il 2030 rispetto ai valori rilevati nel 1990. 

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo verrò riformato ed ottimizzato il sistema di scambio di quote di emissione (ETS) riformato e ben funzionante, introducendo una stabilizzazione del mercato in linea con la proposta della Commissione. 

A partire dal 2021, le emissioni consentite non potranno superare il tetto massimo del 2,2%.

In merito alle fonti energetiche rinnovabili, l’UE si è espressa confermando l’intenzione di aumentarne la quota di utilizzo del 27%. Gli Stati Membri dovranno contribuire attivamente a questo obiettivo, integrando le direttive europee nei mercati nazionali dell’energia.

L’UE ha puntato il dito anche verso l’efficienza energetica del Vecchio Continente, dando dei parametri di miglioramento rispetto a quanto emerge dalle proiezioni attuali sul consumo futuro di energia.

L’obiettivo indicativo è del 27%, ma verrà riesaminato, ed eventualmente incrementato, nel 2020. La Commissione indicherà i settori prioritari su cui si dovrà intervenire a livello nazionale, attivando incentivi finanziari e introducendo regolamentazioni specifiche.

Il Consiglio si è espresso anche in merito alla sicurezza energetica e alla Governance, approvando ulteriori manovre volte a diminuire la dipendenza energetica dell'UE, incrementandone contemporaneamente la sicurezza energetica luce e gas. 

In particolare è stata evidenziato il bisogno di definire progetti strategici di ottimizzazione nel settore del gas, come il corridoio nord-sud, il corridoio meridionale di trasporto del gas e la promozione di un nuovo hub gasiero nell'Europa meridionale. Parallelamente, occorre sviluppare un buon sistema di Governance, a sostegno degli obiettivi di politica energetica.

Sebbene il programma proponga percentuali di miglioramento significative, gli attivisti di Greepeace hanno criticato gli obiettivi proposti, definendoli poco ambiziosi.

Ora la palla torna al Consiglio Europeo, che deve adoperarsi quanto prima per attuare le proposte volte a migliorare il futuro del Vecchio Continente.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Econdominio: arriva il check up gratuito degli edificipubblicato il 1 marzo 2016
Autunno, ecco come risparmiare sulle bollettepubblicato il 23 settembre 2015
I futuri scenari nella quotazione del gaspubblicato il 24 novembre 2014
Stress test gas: gli italiani staranno al calducciopubblicato il 11 novembre 2014
Offerte estive per risparmiare sul gas quest’invernopubblicato il 25 luglio 2014
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Conosci il consumo annuo di energia elettrica?
Consumo stimato annuo di energia elettrica
(kWh)
Quando utilizzi l'elettricità?
Giorno
| Sera
| Weekend
|
| %
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?
CONFRONTA OFFERTE
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!