LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy

Energie alternative: il potenziale delle biomasse

06/11/2014

biomasse

La biomassa è la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui che provengono da sostanze vegetali e animali, dalla silvicoltura (utilizzazione dei boschi), da rifiuti urbani e industriali.

Questa rappresenta una delle fonti di energia alternativa più interessanti per usi domestici e industriali. Nell’uso domestico, per soddisfare il fabbisogno termico, l’installazione di un generatore a biomassa consente la produzione di energia sufficiente sia per il riscaldamento che per l’acqua calda. Per alimentarli si utilizza invece biomassa da scarti del legno.

L’utilizzo di questa fonte porta a vantaggi soprattutto da un punto di vista ambientale: la combustione di biomassa non dà alcun contributo all’effetto serra, in quanto il carbonio che si sprigiona bruciando il legno proviene direttamente dall’atmosfera; bruciando gas o gasolio per riscaldarsi, invece, si trasferisce e si accumula in atmosfera carbonio prelevato dal sottosuolo.

Riscaldarsi con le biomasse può portare vantaggi da un punto di vista economico, anche se è necessario valutare la modalità di consumo termico dell’edificio e le condizioni geografiche (temperature esterne).

Da una parte i combustibili vegetali, a parità di calore prodotto, costano meno di quelli fossili (gasolio, metano, gpl), dall’altro, costi di investimento più alti ne scoraggiano l’uso.

La convenienza economica a realizzarlo dipende dall’intensità d’uso dell’impianto. Impianti di maggiore potenza sono generalmente più convenienti dei piccoli in termini di rapporto costi/benefici, ma abitazioni piccole, abitate saltuariamente o in zone con clima mite hanno un basso fabbisogno energetico e lunghi tempi di ripagamento dell’investimento.

Nell’uso industriale, l’impianto di biomassa è costituito da un insieme di apparati di stoccaggio (conservazione in depositi del prodotto), forni e generatori di vapore che trasformano, attraverso la combustione, la biomassa stessa in energia elettrica e termica.

In ambito agricolo, le biomasse più utilizzate sono la legna e tutti i suoi derivati come segatura, trucioli, residui di potatura della vite e dei fruttiferi.

Gli impianti a biomassa possono usufruire di incentivi: i principali riguardano quelli previsti dal Dm 28 dicembre 2012 (cosiddetto conto termico), dai certificati bianchi e dalle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico. Queste ultime, attraverso il decreto del 6 luglio 2012, prevedono che il costo massimo di tutte le tipologie di incentivo degli impianti a fonte rinnovabile (escluso i fotovoltaici) sia di 5,8 miliardi di euro. Attraverso la partecipazione ad aste e iscrizione ai registri, si disciplina la procedura di ammissione al sistema di incentivazione.

Per rispettare l’impegno finanziario, la disposizione ha individuato per il triennio 2013-2015 appositi contingenti annui in base alla potenza massima installabile: l’accesso agli incentivi è diretto nel caso l’impianto non superi i 200 Kwe di potenza. A luglio si è chiusa la terza e ultima fase per l’accesso alle agevolazioni per l’anno 2015: questo significa che solo nel caso in cui non fosse raggiunta la spesa massima di 5,8 miliardi di euro, entro il 31 dicembre 2015, sarà possibile ipotizzare lo stanziamento di nuovi contingenti per il periodo 2016-2018 (sempre nel rispetto del decreto del 6 luglio 2012). In base ai dati forniti dal Gse (Gestione servizi energia) al 31 agosto, si è già raggiunta la soglia di 5,4 miliardi di euro: per cui, in attesa delle decisioni del Ministeri competenti, è possibile prevedere che nel 2016 le risorse economiche disponibili saranno piuttosto scarse.

 

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Energie alternative, sempre più una realtàpubblicato il 8 novembre 2015
A2A allarga il piano di copertura energiapubblicato il 5 marzo 2015
Mercato elettrico, serve un rinnovamentopubblicato il 6 febbraio 2015
Energie rinnovabili: gli impianti eolicipubblicato il 2 dicembre 2014
Energie rinnovabili. Crescono consapevolezza e consumipubblicato il 6 ottobre 2014
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Conosci il consumo annuo di energia elettrica?
Consumo stimato annuo di energia elettrica
(kWh)
Quando utilizzi l'elettricità?
Giorno
| Sera
| Weekend
|
| %
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?
CONFRONTA OFFERTE
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!