La bolletta spiegata: sintesi e dati cliente

Questo articolo si riferisce alle bollette emesse prima del 1 gennaio 2016. Se vuoi conoscere i dettagli delle nuove bollette 2.0 del gas consulta la sezione dedicata.

Il documento di sintesi nella vecchia bolletta del gas

Procediamo in questa sezione all’analisi dettagliata del primo foglio che troviamo aprendo la bolletta del gas.


Esempio di foglio di sintesi dei dati del cliente e della fornitura presente nella bolletta per il gas.

Si tratta del documento di sintesi in cui troviamo tutte le informazioni generali riguardanti il servizio, l’utente, il contratto con il venditore e il pagamento, ovvero:

  • Il totale da pagare;
  • Dati Cliente e Dati Fornitura;
  • Tipo di Fornitura;
  • Lettura del Consumo e Componenti Onerose.

Il totale da pagare

La prima cosa importante da sapere è l’importo da pagare e la data entro cui effettuare il pagamento. Queste informazioni sono ben chiare ed evidenti nella bolletta. Inoltre, viene sempre indicato il metodo di pagamento scelto al momento della sottoscrizione del contratto (bollettino postale o addebito su conto corrente), e la situazione dei pagamenti precedenti.
La pagina di sintesi presenta sempre il tipo di mercato in cui si trova l’utente (libero o di tutela), il periodo di riferimento della bolletta (ovvero a quali mesi si riferisce il consumo di gas fatturato), e il numero e la data del documento ricevuto, da riportare durante le comunicazioni col venditore che abbiano come oggetto una bolletta ricevuta.


Dettaglio del totale importo da pagare e della descrizione del genere di fornitura di cui il cliente usufruisce (mercato libero o di maggior tutela), presenti nel foglio di sintesi dati della bolletta
per il gas.


Dati Cliente e Dati Fornitura

Nel foglio di sintesi troviamo anche:

  • I Dati Cliente, tra cui il Codice Cliente, fondamentale per l’interazione con il fornitore del servizio di gas che, con questo codice, identifica univocamente l’utente e il contratto da lui sottoscritto, e il Codice Fiscale dell’intestatario del contratto di fornitura di gas.
  • I Dati Fornitura, che indicano l’indirizzo del luogo per il quale viene erogato il servizio e il cosiddetto codice PDR (Punto di Riconsegna), ovvero il punto fisico presso il quale il fornitore consegna il gas naturale al cliente finale. Ancora, troviamo il codice REMI (detto anche codice PED), indicante la Cabina di Regolazione e Misura per la decompressione del gas. Infine potrebbe essere segnalata anche l’offerta relativa al contratto in essere.

Tra questi dati potremmo trovare anche il Punto di Consegna (PdC - non presente in questa bolletta), codice di identificazione univoco della Cabina di Regolazione e Misura (REMI) situata nel punto più vicino possibile al punto di prelievo della rete gas e prossima all’impianto dell’azienda di distribuzione locale. Codice PDC e REMI pertanto coincidono.
Nella bolletta presa ad esempio troviamo anche il consumo progressivo annuo e il consumo medio annuo di gas in Smc ovvero, rispettivamente, il totale dei consumi nell’anno solare, ovvero a partire dal 1° gennaio dell’anno di riferimento della bolletta, aggiornato alla lettura relativa alla fatturazione precedente, e il consumo medio nel corso dell’ anno solare.


Dettaglio del prospetto riassuntivo dei dati del cliente che usufruisce del servizio di fornitura,
presenti nel foglio di sintesi dati della bolletta per il gas.


Tipo di Fornitura

Insieme ai Dati Cliente e ai Dati Fornitura, troviamo una sintesi del contratto sottoscritto con l’azienda venditrice:

  • data di inizio del servizio di fornitura: data di avvio o di rinnovo del servizio;
  • tipologia di uso del contratto: domestica, residente o non residente;
  • classe contatore: varia a seconda della portata nominale di gas, misurabile in m3/h, che indica la massima potenza termica al focolare (potenza generata dalla fiamma del bruciatore);
  • numero di matricola del contatore: codice di identificazione univoca del contatore del gas;
  • Potere Calorifico Superiore (PCS) effettivo: la capacità del gas naturale di produrre energia termica per la combustione completa di un metro cubo di gas a condizioni di temperatura e pressione standard, misurata in gigajoule/standard metro cubo (GJ/Smc). 1 Joule (J) = 1 Kg x 1m²/1s² e può essere visto come il lavoro richiesto per sollevare una piccola mela del peso di 102 g per un metro, opponendosi alla forza di gravità; 1 GJ corrisponde a 1.000.000.000 J o a 109 J. Si calcola sulla base del PCS di riferimento (vedi sotto) per adeguare il prezzo del gas alla sua effettiva resa nella località in cui viene utilizzato;
  • PCS riferimento: quota del potere calorifico superiore variabile annualmente a seconda dei valori rilevati dalle reti di trasporto, e riferita al gas distribuito nella specifica località. Da questo parametro dipende l’energia fornita al cliente, dalla quale si calcola il PCS effettivo;
  • Coefficiente C: coefficiente di correzione dei volumi da applicare ai dati di lettura per il periodo di riferimento, che opera una correzione del consumo a seconda della quota altimetrica e della zona climatica in cui si trova la locazione che usufruisce del servizio di fornitura al fine di ricondurre i volumi prelevati dall’utente finale alle condizioni standard. Moltiplicando il coefficiente C per il consumo in mc registrato dal contatore si ottiene quindi il consumo espresso in Smc (Standard metri cubi);
  • Tipologia uso: indica il genere di utilizzo che l’utenza effettua con la fornitura di gas. Può quindi essere riportato come “riscaldamento”, “cottura cibi e/o produzione di acqua calda” o entrambe, come nel nostro esempio.


Dettaglio del prospetto riassuntivo dei consumi e del contratto di fornitura del cliente, presenti nel foglio di sintesi dati della bolletta per il gas.

Come detto all’inizio di questa guida, conoscere i propri consumi è indispensabile per risparmiare. Infatti solo in questo modo è possibile scegliere il fornitore e l’offerta che permette di soddisfare le proprie esigenze al minor costo.

Confronta le migliori tariffe gas e risparmia!
CONFRONTA LE OFFERTE
CONFRONTA LE OFFERTE GAS

Lettura del consumo e componenti onerose

Il foglio di sintesi presenta inoltre un riassunto del consumo totale fatturato in Smc per il periodo indicato dalla bolletta, successivamente approfondito nel foglio di dettaglio.
Il foglio di sintesi presenta anche il riepilogo degli importi di cui si compone il totale fatturato nella bolletta, le cui componenti principali sono tre:

alle quali va sommata l’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) pari al 10% sui primi 480 mc utilizzati dai clienti domestici e pari al 22% sulle quote fisse e sui consumi successivi ai 480 mc, al fine di ottenere il totale da corrispondere al fornitore. Generalmente, il dettaglio di queste spese è riportato nella seconda pagina della bolletta, analizzata in tutte le sue voci nella prossima guida, la pagina del dettaglio della bolletta.


Dettaglio del prospetto riassuntivo del consumo e della suddivisione dei costi di fornitura del cliente, presenti nel foglio di sintesi dati della bolletta per il gas.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!